I membri del Congresso degli Stati Uniti si oppongono

I membri del Congresso degli Stati Uniti si oppongono alla decisione del Treasury Crypto Ruling in Lettera

Una delle più grandi storie in crypto right è la notizia che il Financial Crimes Enforcement Network (FinCEN) del Ministero del Tesoro degli Stati Uniti sta lavorando a un giro di vite sui portafogli auto-nascondati in crypto.

Un documento che delinea la regola proposta suggerisce che gli scambi e altri fornitori di servizi di beni virtuali dovranno verificare il nome e l’indirizzo di coloro che Bitcoin Pro tentano di effettuare prelievi di oltre 3.000 dollari.
Letture correlate: Il fondatore di DeFi ha mirato in $8m Hack dice di avere il suo IP di hacker

La regola proposta non ha senso

Mentre questo viene fatto per prevenire i crimini criptati, alcuni pensano che non abbia alcun senso.
Ricariche e giri gratis disponibili ogni giorno, per ogni giocatore, in mBitcasino Crypto Autumn Bonanza! Gioca ora!

Kathryn Haun, un socio generale di a16z che si occupa di cripto assets, ha scritto sull’argomento:

„Ieri tardi, invece di seguire quel processo, @stevenmnuchin1 ha ridotto il periodo di commento ordinario a soli 15 giorni, non meno di un venerdì prima delle vacanze, per le regole di crittografia che per noi @a16z e altri nello spazio di crittografia non hanno molto senso“.

Ci sono altri che hanno evidenziato che questo è ridondante e solo un modo per impedire agli utenti di controllare i propri fondi. Così com’è, la maggior parte delle borse regolamentate deve prendere i nomi, gli indirizzi e altri dettagli dei trader che usano fiat. Questa nuova regola non cambia molto e in realtà va oltre quanto le tradizionali istituzioni finanziarie devono fare per le transazioni in contanti.

Questa regola ha creato un tale scalpore che i membri del Congresso degli Stati Uniti si sono schierati contro il Tesoro in una lettera scritta.
Lettura correlata: Il veterano di Wall Street Kickstarts possiede un fondo Bitcoin con 25 milioni di dollari di investimenti

Proposta di Crypto Ruling da parte del Tesoro degli Stati Uniti Opposto dai membri del Congresso

In una lettera inviata al Tesoro il 31 dicembre, 9 congressisti hanno scritto di essere preoccupati per la proposta di sentenza cripta della FinCEN:

„Scriviamo per esprimere le nostre preoccupazioni riguardo al processo di risposta alla Notice of Proposed Rulemaking (NPRM) della Financial Crimes Enforcement Network (FinCEN) relativa ai „Requisiti per alcune transazioni che coinvolgono valuta virtuale convertibile o beni digitali“. Condividiamo i vostri obiettivi di proteggere la sicurezza nazionale e di sostenere le forze dell’ordine nei loro sforzi per combattere i criminali che cercano di impegnarsi nel riciclaggio di denaro sporco, nel finanziamento illecito e in altre attività criminali. Tuttavia, siamo preoccupati che l’approccio del Dipartimento del Tesoro alla definizione di nuove e complesse regole per la registrazione e la rendicontazione delle transazioni di valuta virtuale convertibile e dei beni digitali a corso legale non offra al pubblico americano una ragionevole opportunità di risposta“.

Il gruppo sembra essere il più contrario alla mancanza di tempo concesso al popolo americano e ad altri per rispondere alla sentenza proposta.

Il gruppo che ha inviato questa lettera comprende Tom Emmer, Tom Cotton, Warren Davidson, Tulsi Gabbard e alcuni altri membri del Congresso.